"

Le stagioni dell'olivo

Seguici in un viaggio lungo un anno, alla scoperta delle varie fasi della coltivazione dell'olivo, fino alla raccolta dei suoi preziosi frutti per la produzione dell'oro liquido.
Un olio extra vergine di oliva è il frutto di un lavoro complesso, che cambia a seconda delle stagioni e richiede passione, esperienza e un rapporto stretto e complice con la natura.

Per raccontarti come nasce un olio EVO, ci ispiriamo alla storia del nostro Olio Extra Vergine di Oliva D.O.P. Riviera Ligure-Riviera dei Fiori, che produciamo nel nostro frantoio a Imperia, con le olive taggiasche dell'entroterra.
Nel 2004 la nostra azienda Fratelli Carli ha acquistato un terreno di 13 ettari, con circa 2500 alberi di olivo, sopra Imperia. Proprio in questa zona, che allora era completamente abbandonata, oggi sorge l’Azienda Agricola in cui coltiviamo la preziosa oliva taggiasca.
Qui, dall’incontro felice di una terra generosa con la sapienza di chi sa coltivarla, nasce un capolavoro di gusto ed equilibrio, il nostro Olio D.O.P..

Scopriamo cosa avviene in un oliveto nelle diverse stagioni dell'anno.

Inverno

Per l’olivo, come per molte altre coltivazioni tipiche del bacino del Mediterraneo, come la vite, i primi mesi freddi (dicembre e gennaio) corrispondono a un periodo di riposo vegetativo.
È il periodo migliore per la potatura dei nostri olivi, una fase delicata e di fondamentale importanza.
oliveto in inverno
Equilibrando le parti legnose e quelle verdi, si indirizzano gli alberi a produrre i frutti che si desiderano. La regola aurea della potatura prevede di lasciare la chioma leggera per permettere ad aria e sole di passarle attraverso.

Primavera

A fine febbraio inizia la ripresa vegetativa, ovvero la fase in cui si vedono spuntare sui rami le foglie nuove, di colore verde chiaro.
È il momento ideale per dedicarsi alle varie pratiche colturali: la concimazione, l’irrigazione, i trattamenti per disinfettare, l’eventuale uso di fitofarmaci.
olivo fiorito
La fertirrigazione, per esempio, è una tecnica all’avanguardia che utilizziamo nella nostra Azienda Agricola, che permette di concimare e irrigare pianta per pianta, a seconda delle necessità dei singoli alberi.

In questo periodo, oltre alle foglie, iniziano a spuntare anche i germogli, che lentamente cresceranno fino a dar vita ai fiori.

I fiori dell'olivo hanno la particolarità di non essere singoli, separati l'uno dall'altro, ma di essere raggruppati in un'infiorescenza che ricorda un piccolo grappolo, detta mignola.

A metà marzo, inizia la fase della mignolatura, in cui queste infiorescenze crescono fino a raggiungere le proprie dimensioni definitive: al culmine della primavera, i fiori sono completamente formati, ma ancora chiusi.

Agli inizi di maggio inizia la fase della fioritura, che si conclude nella prima decade di giugno: finalmente, tra le foglie, si vedono sbocciare i tipici fiori bianchi.

Estate

Alla fase della fioritura segue, a metà giugno, quella dell'allegagione in cui la corolla dei fiori appassisce e cade; a questo punto inizia la trasformazione dei fiori in frutti.

Nella seconda metà di giugno, si assiste all'accrescimento dei frutti: si possono ammirare le prime piccole olive, che continuano a crescere per tutta l’estate, sotto il benefico effetto del sole e, nel nostro caso, dell’aria salmastra che arriva dal mare.

In particolare, a luglio, la crescita dei frutti si arresta e si entra nella fase dell'indurimento del nocciolo, ovvero della legnificazione dell'endocarpo (caratteristica chiave della drupa).

L'accrescimento dei frutti riprende quando l'endocarpo è completamente lignificato. In questa fase, il clima ha un ruolo decisivo: la dimensione delle olive e la loro concentrazione di olio sono influenzate pesantemente dalla presenza e dall'intensità delle piogge di questi mesi.
In queste fasi, l’esperienza di chi coltiva è fondamentale per controllare che ogni momento si svolga nel modo migliore, al fine di garantire l’eccellenza del prodotto finale, l’olio.
olivo con olive nuove

Autunno

A ottobre inizia la fase dell'invaiatura, che può protrarsi fino a dicembre: in questo periodo si assiste al cambiamento di colore delle olive, che indica il loro stadio di maturazione.

Quando le olive raggiungono il giusto punto di maturazione, ovvero quando sono metà verdi e metà nere, vengono raccolte.
Scegliere il momento giusto in cui raccogliere le olive è essenziale per ottenere un olio che abbia un’acidità bassa, un aroma fragrante e che sia conservabile più a lungo.
oliveto in autunno
Per la raccolta delle olive, impieghiamo il metodo tradizionale: stendiamo sotto gli olivi delle grandi reti, poi stacchiamo delicatamente le olive dai rami con l’aiuto di un abbacchiatore elettrico di ultima generazione. Quindi, tramite un defogliatore, tratteniamo solo le olive, che portiamo prontamente al nostro frantoio per la lavorazione.

A questo punto, inizia il delicato processo di lavorazione finalizzato a trasformare le olive in olio: scopri tutte le fasi in questo articolo e nell’infografica dedicata.

Hai già assaggiato il nostro Olio Extra Vergine di Oliva D.O.P. Riviera Ligure Riviera dei Fiori? Scopri tutte le sue caratteristiche e lasciati tentare: ora puoi acquistarlo fresco di campagna olearia!

ISCRIVITI 
Per te, nuove ricette, suggerimenti e contenuti esclusivi!