"

Rancido

È il difetto più comune e facilmente riconoscibile che un olio extra vergine di oliva può presentare: si manifesta con un odore e un sapore decisamente sgradevoli, che incrementano con il passare del tempo.
Questo difetto dipende da un’alterazione dell’olio, detta irrancidimento, legata al processo di ossidazione.

Quest'ultima è un fenomeno naturale a cui sono esposte le sostanze grasse, come gli acidi grassi presenti nell’olio di oliva, e consiste nella degenerazione della loro struttura chimica.

Tra le cause dell’ossidazione dell’olio di oliva c’è la sua esposizione all’ossigeno, in primis, ma anche alla luce e a temperature elevate.

Un olio EVO rancido è un olio che non è stato prodotto o conservato correttamente. Per questo difetto non esiste soluzione: un olio rancido è, purtroppo, irrecuperabile.
Un olio extra vergine di oliva di qualità è ricco di antiossidanti come polifenoli e tocoferoli e, per questo, meno esposto al rischio di ossidarsi e dunque di irrancidire.

Scopri tutte le fasi della produzione del nostro Olio Extra Vergine di Oliva D.O.P.  

Sai come si assaggia un olio extra vergine di oliva?
ISCRIVITI 
Per te, nuove ricette, suggerimenti e contenuti esclusivi!